Quale rimedio è efficace contro l’insufficienza venosa?

Di sera avete le gambe stanche o le caviglie gonfie? Può trattarsi di un primo segnale che indica che le vostre vene non lavorano più correttamente. Del resto, quasi il 50 percento della popolazione soffre di insufficienza venosa. Scoprite di più sulle cause e i sintomi più frequenti dell’insufficienza venosa, oltre che 8 consigli utili per rinforzare le vene!


Cos’è l’insufficienza venosa?

funzione venosa

L’insufficienza venosa è una funzione alterata delle vene. L’insufficienza venosa inizia quando le valvole venose non si chiudono più correttamente. Il deflusso del sangue dalle gambe è pertanto compromesso e si arresta. Valvole venose sane assicurano che il sangue delle gambe possa scorrere nuovamente verso il cuore. A causa della pressione che nasce dal sangue ristagnato, le vene si allargano. Queste vene si presentano a noi come reticoli sottili rosso-bluastri, i cosiddetti capillari. Se a esserne interessate sono aree ampie, possono formarsi le vene varicose.



Sintomi di un’insufficienza venosa

Le persone interessate devono spesso confrontarsi con gambe gonfie o doloranti – per esempio di sera o dopo essere stati seduti o in piedi a lungo. Le persone colpite ne soffrono soprattutto in estate, poiché con il calore i vasi si estendono ulteriormente. Anche leggeri gonfiori alle caviglie possono essere indicativi di un’insufficienza venosa. I sintomi tuttavia variano di molto a seconda della gravità.

Altri sintomi dell’insufficienza venosa possono essere:

  • Capillari
  • Vene sporgenti (parte inferiore della gamba, polpaccio o dietro al ginocchio)
  • Accumuli di liquidi (caviglie o parte inferiore della gamba)
  • Vene varicose

Un’insufficienza venosa avanzata è riconoscibile dalla presenza di alterazioni cromatiche marroni nella parte bassa della gamba o nella caviglia. Anche gli eczemi o delle lacerazioni cutanee possono essere indicative di un’insufficienza venosa avanzata.


Quali sono le cause di un’insufficienza venosa?

Spesso si tratta di una predisposizione genetica. Inoltre, il rischio cresce con l’avanzare dell’età. I primi segni si osservano spesso solo dai 30 anni di età. Sono soprattutto le donne a soffrire di capillari, vene varicose o gambe pesanti. Ciò è dovuto principalmente all’estrogeno, l’ormone sessuale femminile. Questo ormone ammorbidisce i tessuti connettivi e favorisce pertanto la formazione dei capillari. Anche una gravidanza, che provoca un’elevata concentrazione di estrogeni e un ulteriore carico sulle vene delle gambe, può essere una causa. L’insufficienza venosa può essere favorita anche dall’assunzione per lungo tempo della pillola anticoncezionale. Tuttavia, anche gli uomini devono confrontarsi sempre più spesso con i problemi vascolari. Altri fattori che possono favorire un’insufficienza venosa sono il sovrappeso, stare in piedi o seduti a lungo o fumare.


Cosa si può fare in caso di insufficienza venosa?

calze a compressioneLa forma di trattamento dipende dalla gravità dell’insufficienza venosa e dall’intensità dei disturbi. L’obiettivo principale del trattamento è che le valvole delle vene si chiudano di nuovo correttamente e che il sangue venga nuovamente trasportato verso il cuore. Il metodo preferito è la terapia compressiva. L’utilizzo di calze a compressione facilita il lavoro delle valvole venose. Grazie alla pressione esercitata dalle calze, meno liquido penetra nei tessuti e i gonfiori diminuiscono. Anziché calze a compressione è possibile usare anche speciali bendaggi. Se tuttavia l’insufficienza venosa è già troppo avanzata, vengono prescritti anche dei medicamenti che riducono il gonfiore. Se dal punto di vista medico i capillari non vanno rimossi, nel caso delle vene varicose, alle volte la loro rimozione può risultare necessaria. Le sezioni dei vasi interessate vengono rimosse nel corso di un’operazione o sigillate mediante onde radio o trattamenti laser.

 8 consigli per vene sane

Anche se a causare un’insufficienza venosa può essere una predisposizione genetica, esistono comunque dei consigli utili da utilizzare preventivamente:

consigli per vene sane

  • Praticare sport!
  • Evitare il sovrappeso.
  • Di sera sollevare le gambe.
  • Fare ginnastica per le gambe e i piedi.
  • Bere molta acqua.
  • Indossare calze a compressione durante i lunghi viaggi – non solo in aereo.
  • Smettere di fumare o non cominciare proprio.
  • Massaggiare le gambe.

Oltre a questi otto consigli è possibile anche utilizzare prodotti che si prendono cura delle vene, pensati per prevenire l’insufficienza venosa. Non a caso le pomate con ippocastano, pungitopo e vite rossa sono note per le loro proprietà a favore della circolazione sanguigna. Soprattutto in combinazione con un massaggio, farete qualcosa di buono per le vostre gambe e a favore di vene forti ed elastiche.

Pedibalm

Pedibalm

stimola, rinfresca e si prende cura delle vostre gambe
PrezzoCHF 40.90
There are not enough products in stock
x