FAQ sulla protezione solare


Perché bisognerebbe utilizzare un fattore di protezione più alto possibile?
La quantità di applicazione per la misurazione standardizzata del fattore di protezione ammonta a circa 30 ml per tutto il corpo. In effetti le persone applicano in media solo 15 ml, diminuendo così l’efficacia della protezione solare fino al 50%. Per questo motivo è consigliabile utilizzare un fattore di protezione solare (SPF) più alto rispetto a quanto previsto per il proprio tipo di pelle.

Che cos’è la fotostabilità di un filtro?
Fotostabile significa che durante l’intera esposizione al sole il filtro mantiene la sua efficacia e non viene disattivato dai raggi UV.

Perché la crema va applicata mezz’ora prima di esporsi al sole?
In linea di massima una protezione solare è efficace da subito, ossia dal momento in cui viene applicata sulla pelle. Per essere sicuri che la protezione solare venga applicata dappertutto e in maniera ottimale, è stato stabilito un lasso di tempo di mezz’ora. Le scottature, infatti, si verificano spesso già nel tragitto per recarsi in spiaggia o in piscina.

Quali filtri UV sono utilizzati nei prodotti di protezione solare e qual è il loro effetto?

  • Vi sono due tipi di filtri UV: minerali (fisici) e organici (chimici). L’utilizzo di filtri UV in Svizzera è disciplinato giuridicamente.
  • I filtri UV minerali contengono piccole particelle che riflettono i raggi UV, proteggendo in tal modo la pelle dai raggi solari.
  • I filtri UV organici sono sostanze che assorbono i raggi UV e li neutralizzano.
  • Per coprire la più larga gamma possibile di raggi UV (UVA e UVB), in una protezione solare sono utilizzati in modo combinato numerosi filtri UV.

Il tempo di protezione può essere prolungato applicando nuovamente la crema?
Applicare la crema più volte è importante e necessario per garantire una protezione sicura. Ripetere l’applicazione, però, non allunga il tempo di esposizione previsto.

Utilizzando un filtro di protezione più alto è possibile comunque abbronzarsi?
Anche con una protezione elevata, restando all’ombra o in caso di tempo nuvoloso, è possibile abbronzarsi. Ovviamente più lentamente, ma anche in maniera più duratura.

Quali sono i fattori scatenanti di un’allergia al sole?
I raggi UVA provocano l’allergia al sole (fotodermatite polimorfa), che si manifesta tipicamente in zone del corpo improvvisamente esposte al sole, come décolleté e braccia.

Durante la gravidanza posso espormi al sole e posso utilizzare qualsiasi prodotto solare?
Durante la gravidanza, il cambiamento dell’equilibrio ormonale può accrescere la sensibilità della pelle. Con l’esposizione al sole può capitare che appaiano delle macchie scure sul volto, la cosiddetta “maschera della gravidanza”. Durante la gravidanza utilizzare, quindi, il fattore di protezione 50.

È opportuno fare delle lampade prima di esporsi al sole?
Nel solarium si è esposti soprattutto ai raggi UVA, che contribuiscono a una colorazione più scura dei pigmenti. Non si verifica, però, una nuova formazione di pigmenti, come quella che avviene con l’esposizione al sole e alla gamma naturale di raggi UVA/UVB. Si ha pertanto una protezione esigua, che non sostituisce in alcun modo una protezione solare sicura. Inoltre, fare le lampade regolarmente costituisce un’ulteriore radiazione di raggi UV, causando così l’invecchiamento prematuro della pelle.

Una crema per il viso con fattore di protezione ha lo stesso effetto di una crema solare?
La differenza tra una crema da giorno con fattore di protezione solare (SPF) e una crema solare risiede nella consistenza e nella quantità di filtri protettivi, che sono maggiori nei prodotti di protezione solare. Va inoltre aggiunto che in un prodotto di protezione solare il rapporto tra filtri UVA e UVB è perfettamente equilibrato.


Avete altre domande riguardanti la protezione solare?

JUST Hausapotheker

Il nostro @JUST-Hausapotheker è lieto di poter rispondere alle domande della community.


Godetevi in tutta sicurezza il sole con i prodotti solari di JUST: